di tutto questo dolore ne faremo arte

Dicono che tutto ciò che non ti uccide ti fortifica. Che strano, a me ha fortificato solo ciò che prima mi ha uccisa.

Pensavate si potesse morire una volta sola? No, io non credo. Se la morte è un antro nero dove i cinque sensi che ci connettono al mondo non servono più a nulla, allora no, non si muore una volta sola.

Una volta sola muore la carne, ma l’essenza che la anima è molto più fragile.

Esiste un Dentro lontanissimo da ogni Fuori. Un nocciolo nel petto o nei pensieri così infinitamente lontano dalla superficie del corpo che la realtà non riesce ad arrivarci. Non basta un pugno fortissimo, l’insulto peggiore, né per contatto né rifrazione quello che la pelle o le orecchie sentono arriva così a fondo in quello che siamo.

Vertiginosa è la distanza tra ogni Fuori e questo Dentro. E’ un viaggio giungervi, una scommessa restarci.

Irraggiungibile dalla vita circostante è il luogo in cui nessuno può nascondersi da se stesso. Per alcuni è un rifugio dove tirare il fiato, per altri è un campo di battaglia. Per altri ancora – invece – è entrambe le cose, nello stesso momento, nello stesso corpo, nello stesso pensiero…

Convivono lì, nonostante l’apparente controsenso, la quiete e la tempesta, lo squarcio e il sereno, l’impeto e la calma.

Dietro occhi silenziosi e assenti scintille incandescenti non concedono riposo, l’affanno si traveste da entusiasmo, la paura diviene temeraria e ogni parola muta di significato se detta ad alta voce.

Di un legno spezzato si è fatta un’opera, quando la sua cicatrice si è trasformata in un lampo che illumina. Ma conoscerà mai qualcuno la violenza inaudita che dilaniò legno, cielo, corpo e mente?

L’esplosione senza perdono dell’angoscia che sfocia sulla pelle,

la fame disperata che ti acceca e domina per pochi intimi istanti,

la bramosia di voler distruggere per dimostrare che sei più di un creatore.

E poi sederti, dopo che la vita irruenta ha portato via il suo frastuono. Sederti come un vecchio imperturbabile e ricominciare a creare.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Subscribe to our newsletter